Phone: +39 051 846994 | Email: assistenza@3d4steel.com
Avevo perso uno dei clienti più importanti della mia azienda, quando mi sono salvato grazie a questo antidoto che ti eviterà di fallire

Avevo perso uno dei clienti più importanti della mia azienda, quando mi sono salvato grazie a questo antidoto che ti eviterà di fallire

Avevo perso uno dei clienti più importanti della mia azienda, quando mi sono salvato grazie a questoantidoto che ti eviterà di fallire

 

Fiamme divampavano indomabili.

Lingue di fuoco divoravano l’intero capannone.

E tutto il materiale di cui avevo bisogno per la mia produzione era andato in fumo.

Ora come avrei fatto a consegnare l’ordine in tempo?

I miei dipendenti erano stremati.

I macchinari erano stati spremuti come limoni.

I fornitori non ci mandavano i tecnici per riparare il danno causato da una loro macchina.

Le materie prime necessarie erano bruciate, così come il mio tempo e i miei soldi.

Stavo perdendo uno dei clienti storici più importanti per la mia azienda e non ci potevo fare niente.

Ti sarai trovato anche tu nella situazione in cui un inghippo nella tua produzione ha causato ritardi nella consegna del componente che ti era stato ordinato da un cliente o che ti serviva urgentemente per mettere in moto un tuo macchinario e soddisfare una commessa.

Il telefono squilla insistente e una voce acuta e infuocata ti rimprovera il ritardo: è il tuo cliente che sta ancora aspettando il tuo pezzo.

Anche se vorresti, non puoi controllare ogni singolo aspetto della tua filiera produttiva; sei sempre nelle mani degli altri e questo non ti fa dormire sonni tranquilli.

Potrebbe capitarti che un fornitore non ti consegni il materiale necessario.

Un giorno potrebbe guastarsi il macchinario principale dell’intera produzione, proprio quello che ti serve di più e non saprai come ripararlo in tempo, sostituendo il pezzo rotto.

So che stai pensando: “fino ad allora posso anche sperare che non mi succeda mai e continuare quello che sto facendo!”

Ecco io la pensavo esattamente come te: continuare quello che mio nonno e mio padre hanno sempre fatto senza stressarmi troppo perché, in fin dei conti, con i metodi tradizionali e i vecchi macchinari la mia famiglia ci ha costruito un’azienda che ha sempre garantito un tetto sulla testa a me e ai miei operai.

I cambiamenti non mi sono mai piaciuti perché ho sempre pensato: squadra che vince, non si cambia:

le mie vecchie macchine sono stati miei soldati fedeli per anni e in passato mi hanno fatto vincere successo e soldi.

Peccato che nell’ultimo periodo, proprio quei soldati diligenti, non erano più efficaci per il tipo di guerra che stavo combattendo: i tempi cambiano, la richiesta di mercato cambia e così anche la tecnologia deve cambiare, se vuoi continuare a vincere le tue battaglie aziendali quotidiane.

Un dannatissimo giorno è successo qualcosa che mi ha scosso a tal punto che ho dovuto cambiare per forza, un inghippo che potrebbe accadere anche a te:

ho dovuto dire addio ai metodi tradizionali e sostituirli con un’altra tecnologia per non perdere clienti importanti

Era il 12 novembre del 2012 quando ricevetti una commessa molto importante da una grossa azienda, un cliente prezioso intorno al quale dipendeva grossa parte della mia produzione.

L’azienda si trasformò in un caotico aeroporto internazionale nel giro di poche ore.

L’azienda si trasformò in un caotico aeroporto internazionale nel giro di poche ore.

Dovevamo soddisfare questo cliente a tutti i costi, ma avevamo poco tempo.

Ero in ansia e sapevo che avrei dovuto chiedere ai miei dipendenti di fare orario extra per quei giorni.

Lavorammo sodo, come in un formicaio ben organizzato e produttivo.

Eravamo stremati e i giorni si stavano esaurendo, ma il risultato ci avrebbe ripagato ogni sforzo. Per accelerare i tempi ho dovuto assumere personale in più che ci aiutasse.

Già fantasticavo sul successo dell’impresa quando il telefono dell’ufficio squillò, disturbando i lavori.

Corsi a rispondere e quasi non caddi svenuto per quello che mi disse la voce tremante dall’altro capo del filo:

il capannone del fornitore che doveva consegnarci la merce per la commessa del cliente importante, era appena andato a fuoco.

Conclusi la chiamata e guardai i miei collaboratori, curiosi di sapere cos’era successo di così tragico; non sapevo come dirli che il nostro lavoro era andato in fumo.

So che anche tu in questi casi disperati non hai gettato la spugna: io non l’ho fatto, non potevo farlo, quel cliente era troppo importante; portai davvero al limite i miei macchinari e cercai di risolvere il problema del materiale che non mi era stato consegnato.

Mentre mi ingegnavo per trovare al più presto una soluzione, un’altra sfiga atomica mi colpì:

uno dei macchinari tedeschi più fedeli, costosi e importanti di tutta la mia filiera produttiva si era guastato.

Mancavano 5 giorni e il mio cavallo di battaglia mi aveva abbandonato.

Ho chiamato subito la ditta in Germania per chiedere l’assistenza tecnica con urgenza. Avrei pagato anche di più per avere il tecnico al più presto, perché sapevo che avrei perso il triplo dei soldi e mandato a quel paese il mio fatturato se avessi perso quell’importante cliente.

Mi scoppiò il cuore quando l’ufficio assistenza mi comunicò che, essendo il macchinario guasto un modello vecchio, i tecnici specializzati in grado di ripararlo erano solo quattro in tutto il mondo e al momento si trovavano a Singapore.

Eravamo con il culo per terra.

Chiesi aiuto a mio padre e, grazie alla conoscenza accurata delle macchine automatiche accumulata in anni, riuscimmo a far ripartire quel ferro vecchio.

Avevamo perso due giorni.

Soldi.

E lo stress era ormai alle stelle.

Quando tornammo al lavoro, lo stesso macchinario si fermò di nuovo e questa volta per sempre.

Mi sporcai le mani d’olio per cercare di riparlo, mentre le lacrime mi tagliavano le guance per il nervoso.

Ormai avevo perso il cliente più importante per l’azienda e i tempi che ci aspettavano sarebbero stati infernali.

Tu puoi evitare l’inferno di rimanere senza i tuoi clienti, in mutande grazie alla soluzione che ha risollevato la mia azienda

La storia ha un lieto fine, ma prima di arrivarci e trovare la soluzione definitiva, ho dovuto sbagliare, buttare soldi in altre pseudo soluzioni, che invece mi hanno solo fatto perdere tempo e grana e ho dovuto quindi imparare dai miei errori.

Te ne parlerò così ti eviterai di ripeterli e investirai direttamente nell’unica strada che può salvare la tua azienda e farti guadagnare il 13% in più all’anno.

La sfiga che mi ha colpito quattro anni fa mi ha fatto capire che la mia produzione era lenta, vecchia e poco sicura.

Temevo che mi sarebbe ricapitata un’altra tragedia del genere e così ho dovuto cedere al cambiamento e mi sono buttato a pesce in una tecnologia nuova: la stampa 3D.

Dopo anni di formazione fra USA e Germania, mi sono deciso a investire nei sistemi additivi.

Stampare i tuoi componenti in 3D mette al sicuro al tua azienda e ti fa guadagnare milioni perché:

  1. produci il 30% più velocemente, secondo quello che ha dichiarato il CEO di Ford;
  2. aumenti il valore della tua produzione di 8,9 milioni, come ha attestato un sondaggio della rivista Stampa 3D;
  3. guadagni almeno il 13% in più, come è successo alla Nike, secondo la dichiarazione di Mark Parker.

Inoltre, il mondo della stampa 3D, valutato 3 miliardi di dollari lo scorso anno, crescerà quest’anno del 28%.

Io non volevo che la mia azienda rimanesse nel passato e rischiasse l’estinzione: dovevo portarla nel futuro

Prima di tutto ho contattato i Service di stampanti 3D, aziende che stampano i tuoi componenti per te.

Ero estasiato, prima di rendermi conto dell’atomica fregatura in cui stavo per cadere.

I service funzionano così:

per stampare in 3D il tuo componente, hai bisogno di un CAD, un disegno del tuo progetto fatto a posta per le stampanti 3D.

I Service ti chiedono di caricarlo e condividerlo su un Cloud.

Il Cloud è quella piattaforma online dove puoi condividere file con altri utenti: è come un mega schedario virtuale, che possiede qualcuno da qualche parte nel mondo e che ti custodisce i file che carichi.

Le acque di internet sono abitate anche dagli Hacker, i pirati del web, che fanno razzie proprio nelle piattaforme Cloud.

Sembra tutto molto figo, peccato che questo custode non sai chi sia e non sai che cosa ci farà con i tuoi file.

In teoria dovrebbero essere al sicuro, ma solo in teoria, perché le acque di internet sono abitate anche dagli Hacker, i pirati del web, che fanno razzie proprio nelle piattaforme Cloud.

 

I tuoi file quindi, se ti affidi a un Service, lasciandogli i CAD online così, potrebbero essere in serio pericolo!

Immagina se i segreti della tua azienda fossero alla mercé di tutti e li potessero avere fra le mani anche i tuoi concorrenti sparsi per il mondo!

Non puoi rischiare!

L’altra fregatura è che i Service costano una fucilata:

hanno un rincaro su ogni singolo componente stampato e le spese di spedizione sono esagerate come se ti dovessero spedire un elefante per posta, invece che dei componenti meccanici.

In più ti tocca aspettare 10 giorni per avere il tuo componente: altro che just in time!

Dopo aver capito che:

i Service costano una fucilata e mettono in serio pericolo i file segreti dell’azienda, ho trovato un altro difetto che mi ha fatto scartare definitivamente questa soluzione

Avevo perso un cliente perché i miei fornitori esterni avevano toppato, quindi volevo investire nei sistemi additivi per essere finalmente libero da ogni fornitore.

Con i Service ero punto a capo!

Non solo dovevo aspettare che mi consegnassero il componente stampato in tempo, cosa che comunque succedeva, salvo imprevisti, ma ero anche limitato sulla scelta delle polveri metalliche con cui potevo stampare.

Nemmeno con i Service ero libero

Così ho scartato subito l’opzione dei service prima che di pentirmene per sempre e mettere di nuovo la mia azienda in ginocchio.

Volevo comprare una stampante 3D tutta mia: ed ecco che mi sono inoltrato in una selva oscura, tortuosa, piena di belve feroci, trappole e nessuna guida che mi indicasse il cammino.

Ecco perché voglio mostrarti:

Gli errori che devi evitare come la peste per non rimanere fregato e perdere soldi quando investi in una stampante 3D

I venditori di stampanti 3D generalisti mi attendevano in agguato, pronti a farmi la pelle.

Le loro promesse erano invitanti: “Con la mia stampante 3D generalista potrai produrre in un lampo i tuoi componenti, rispetto ai metodi tradizionali”.

Guadagnerai un pacco di soldi

Tutto andrà come desideri.

Le loro promesse mi facevano salire l’adrenalina a mille: avrei comprato, dovevano solo dirmi dove firmare.

Per fortuna il mio scetticismo burbero mi ha fatto fermare per riflettere bene e, passato l’entusiasmo iniziale, non ho comprato nessuna di quelle stampanti 3D generaliste.

Cosa mi ha fermato?

Semplice:

le loro promesse non avevano nessun elemento di prova che dimostrasse che fossero vere

Forse mi stavano prendendo per i fondelli e nemmeno avevo un metro di giudizio per capirlo.

In più…

A me serviva una stampante 3D specializzata in acciai, non una che sfornasse componenti con qualsiasi materiale! Perché?

Perché solo una specializzata mi permetteva di tenere bassi i costi di gestione e quindi di rendere tutto il processo di produzione giustificabile a livello economico

Dato che i venditori di stampanti 3D promettevano le stelle, senza però farmi vedere uno straccio di numeri, sono tornato sui miei passi, mi sono rimboccato le maniche per salvarti dalle bugie degli altri venditori di stampanti 3D e mettere in luce le promesse che valgono.

Ho preso questa decisione perché io stesso avevo bisogno di una stampante 3D per acciai, personalizzata sulle mie esigenze, che mi garantisse dei guadagni.

In più sono un’amante della tecnologia e dell’innovazione, quando porta a dei risultati positivo e so che la stampa 3D può davvero salvare la tua azienda, farti guadagnare milioni e accelerare la tua produzione, ma devi ricordarti di avere sempre le prove che queste tre promesse siano vere e realizzabili per te.

Ci ho messo quattro anni a riorganizzare il mio business per produrre le uniche stampanti 3D, specializzate in acciai, esistenti al mondo.

Troverai stampanti 3D che stampano acciai e anche altri materiali, ma mai stampanti 3D progettate a posta solo per l’acciaio.

In più ho ideato l’unico sistema che ti permetterà di:

avere fra le mani l’unico documento che ti dirà i costi economici, finanziari e i tempi di produzione che implica stampare i tuoi componenti in 3D con una stampante specializzata in acciai

Ma c’è di più…

potrai avere questo documento ancora prima di comprare la stampante 3D.

Per avere il documento prezioso e unico e soprattutto personalizzato sulla tua produzione, devi cliccare sul bottone rosso in fondo alla pagina, compilare il form e farti contattare da un tecnico specializzato in stampa 3D, che ti darà tutte le informazioni sul 3D4YOU.

Il 3D4YOU è l’unico servizio personalizzato al mondo che ti permetterà di scoprire se le promesse invitanti della stampa 3D sono vere e funzionano anche per la tua produzione.

“La stampa 3D non fa sicuramente al caso tuo se:

1) produci componenti in grandi volumi, come 10 mila pezzi, tutti uguali fra loro;

2) devi realizzare un componente semplice, senza geometrie complesse;

E la stampante 3D4STEEL, l’orso blu, non fa per te:

se devi stampare in 3D i tuoi componenti in altri materiali che non sia l’acciaio!

Con 3D4YOU, non rischi niente, se mai avrai imparato qualcosa di nuovo, ma il tuo fatturato e la tua azienda saranno in una botte di ferro, perché avrai una garanzia “0 rischi”, che ti permetterà di non spendere una valanga di soldi, per poi scoprire che la stampante 3D che hai comprato non ti ripaga l’investimento;

mentre se compri una stampante 3D dai venditori generalisti, potresti rischiare di investire in un mostro mangia soldi, che non ti farà dormire sogni tranquilli e che metterà in ginocchio la tua azienda.

Puoi continuare ad utilizzare i metodi tradizionale e incrociare le dita sperando che nessun tuo vecchio macchinario si rompa mai.

Certo, produrrai più lentamente dei tuoi concorrenti, che invece stanno già investendo nei sistemi additivi.

Prima o poi i clienti ti abbandoneranno in ogni caso visto che solo in Italia, secondo il Wohlers Report, sono al lavoro 2.300 stampanti 3D;

fra queste potrebbero esserci quelle dei tuoi concorrenti che ti faranno chiudere l’azienda di famiglia e ti lasceranno con un vuoto nel portafoglio e uno nel cuore.

Essere la pecora nera della famiglia che ha fatto fallire l’azienda è uno dei più grandi dispiaceri che potresti incontrare nella tua vita.

Evitalo!

E clicca sul bottone rosso, visto che solo 4 aziende al mese possono accedere a questo servizio perché, essendo personalizzato, mi richiede del tempo necessario per assistere ad ogni tua specifica esigenza.

Non farti fregare il posto da un altro:

Ivano Corsini

Fondatore e CEO di 3D4STEEL. Creatore del metodo CorSystem - il metodo definitivo per produrre più velocemente e guadagnare di più con una stampante 3D per acciai. Imprenditore 4.0

Lascia un commento

Chiudi il menu

Newsletter

Lascia qua i tuoi dati per ricevere settimanalmente gli aggiornamenti sugli articoli del nostro blog e le novità sul mondo della stampa 3D per acciai

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.